Reviews.

 

World Premiere with unusual Recorder as soloist virtuoso

by Camilla Dal

We have to thank our former artistic director of the Concert Hall Beryl Lunder if it was possible a collaboration between Dan Laurin, Vito Palumbo and the Gävle Symphony Orchestra. Too bad that she was not there, because it would have been a round of applause. In addition to concerts, the collaboration will include a recording label, where the harpsichordist Anna Laurin Paradiso and orchestra cellist Mats Olofsson will participate as soloists.

  Dan Laurin in an intense moment of the Recorder Concerto. He was the King of this special evening. A hero against a full orchestra.

Dan Laurin in an intense moment of the Recorder Concerto. He was the King of this special evening. A hero against a full orchestra.

It is the first time I listen to the music of Palumbo, who can stir a desire to hear more. That the recorder is not a instrument frequently in an orchestra is rather obvious, but the special instrument built by Dan Laurin has a soft sound and light, which is not in danger of being submerged by the orchestra.

It is a composition rich mixes sound and very well orchestrated, that Palumbo wrote for Laurin, full of colors, rhythmically intense, but at the same time graceful and aerial. The duration is about half an hour, enough so you can dive into its dynamic atonal sound world.

The concert begins with a gradual crescendo, marked by stamping metal, from which the recorder appears silhouetted with bright and vibrant sound waterfalls, before groups of magmatic sounds wonderful atmosphere to grow all.

So are built monumental sections rhythmic-timbrical effect, each time the soloist is pulled back, like a mischievous elf along winding paths, to recline on rousing clouds, to meet small, even tiny pinched and glissandi. Shrewdly employed is that little, favorite, second interval, which Palumbo masters masterfully, making planar a few sentences of the recorder in this refined murmur. In other parts of the sounds they are gathering to become large blocks spherical surface of which the soloist describes virtuously fast lines from the watery reflections.

The orchestra has once again demonstrated its expertise in performing contemporary music, and Jaime Martin has directed all with great sensitivity and care. The execution would easily risked slipping into a shapeless heap sound. I was then a little difficult to tune then on 2.a Symphony of Sibelius, but little by little I was captured by the brilliance of the brass, the pinched sensitive strings and simple warm nostalgia theme.

 

Prima mondiale con dispettoso flauto dolce come solista virtuoso

Dobbiamo ringraziare il nostro precedente direttore artistico della Sala dei Concerti Beryl Lunder se è stata possibile una collaborazione tra Dan Laurin, Vito Palumbo e la Orchestra Sinfonica di Gävle. Peccato che non sia stata presente, poiché le sarebbe stato dovuto un applauso. Oltre a concerti, la collaborazione prevederà una incisione discografica, dove la cembalista Anna Paradiso Laurin e il violoncellista dell’orchestra Mats Olofsson parteciperanno come solisti.

12065727_10205970077024319_4296321780531334305_n.jpg

E’ la prima volta che ascolto la musica di Palumbo, che sa suscitare desiderio di ulteriori ascolti. Che il flauto dolce non sia uno strumento frequente in organici orchestrali è piuttosto ovvio, ma lo speciale strumento costruito per Dan Laurin ha un suono morbido e chiaro, che non rischia di venire sommerso dall’orchestra.

E’ una composizione ricca di impasti sonori e molto ben orchestrata, quella che Palumbo ha scritto per Laurin, piena di colori, ritmicamente intensa, ma al tempo stesso leggiadra ed aerea. La durata è di mezz’ora circa, quanto basta perché ci si possa tuffare nel suo dinamico mondo sonoro atonale.

Il concerto comincia con un graduale crescendo, marcato da timbri metallici, da cui il flauto dolce emerge stagliandosi con luminose e vibranti cascate sonore, prima che gruppi magmatici di sonorità atmosferiche crescano verso meravigliosi tutti. Così vengono costruite monumentali sezioni ritmico-timbriche ad effetto, ogni volta il solista si tira indietro, come un dispettoso folletto lungo sentieri tortuosi, per adagiarsi su trascinanti nuvole, ad incontrare piccoli, anzi minuscoli pizzicati e glissandi. Accortamente impiegato è quel piccolo, favorito, intervallo di seconda, che Palumbo padroneggia magistralmente, facendo planare alcune frasi del flauto dolce in questo raffinato mormorio. In altre parti le sonorità si addensano fino a diventare grandi blocchi sferici, sulla superficie dei quali il solista virtuosamente descrive rapide linee dai riflessi acquatici.

L’orchestra ha dimostrato ancora una volta la propria competenza nell’eseguire musica d’oggi, e Jaime Martin ha diretto il tutto con molta sensibilità ed accortezza. L’esecuzione avrebbe facilmente rischiato di scivolare in un informe ammasso sonoro. Ho avuto un po’ di difficoltà a sintonizzarmi poi sulla 2.a Sinfonia di Sibelius, ma poco a poco sono stata catturata dalla brillantezza degli ottoni, dai pizzicato sensibili degli archi e dalla semplice calda nostalgia del tema.

Camilla Dal.

[traduzione Maestro Pietro Rigacci]

The King of the recorder

by Kerstin Monk

He is one of the world best on the recorder. Before the concert in Gävle Kerstin Monk meets Dan Laurin. – You have no idea how much I am looking forward to this concert! Dan Laurin, one of the world best on his instrument, the recorder, will perform a world premiere on Thursday with Gävle Symphony Orchestra, and he promises it will be a very special experience, for himself, first of all, and also for the audience. He will play a concerto that has been written for him and for Gävle Symphony Orchestra by an Italian composer whom has been described as the most exciting and interesting composer in Italy today, Vito Palumbo. It is a long piece, 25 minutes long, and incredibly demanding, technically speaking.

'I haven't been so reachable during these last years while I was practising this concerto. I have been really silent in periods,' he confesses.

Dan and Vito have been in close contact during the half year that took to compose the concerto, which became a personal reflection on Dan's effort to establish himself as a musician in modern times.

On the recorder usually one plays baroque music and that is what Dan has done his whole career, and these last twelve years often together with his wife Anna Paradiso, who is a harpsichord player. Recorders have a weak sound, so it is difficult for this type of instrument to face the sound of a bigger orchestra, not to talk about a whole symphony orchestra. How sad, Dan used to think, for him who loves the sound that a big orchestra can deliver. Moreover, he is interested in contemporary music.

So he met a Dutch recorder maker, Adriana Breukink, whose instruments are innovative. They are louder, have a wider range and can be heard with large orchestras. Dan bought one of these recorders and got also in touch with the Dutch composer Chiel Meijering, who has written 40 concerts specifically for this type of recorder. His music has been recorded by Dan and a CD will be out in few weeks.

The Italian composer Vito Palumbo is a good friend and comes from the same area as Dan's wife. This is therefore a very personal concerto that Vito has written and that will also be recorded with Gävle orchestra in the Spring.

But the recorder? Why would one choose such an instrument? – Yes, says Dan, why would a 55 year old white man play the recorder? It is indeed an instrument with a bad reputation, one that people would start playing as children and one that sounds horrible when a group of beginners play together. Most people choose another instrument later on. But for Dan the recorder was perfect. He was a 'lonely boy' who sat and played on his own in a corner, and who realized that he could sit with the recorder and search out little melodies. – I was totally self-taught when I applied for the conservatoire in Odense and got in, a year before finishing school. So I had to suffer through my whole 9th grade before. Then it went fast for Dan, he received his diploma when he was 16 and his 'soloist diploma' when he was 19. After that, he has gained fame all over the world. He has also taught, first in Danmark (and Germany) and now in Stockholm and London. He is based in Stockholm and from there the Laurin couple travels with tours in the world. - We play together as often as we can. She is the biggest luck of my life, says Dan.

 

 

Il Re del flauto dolce

È uno dei più grandi al mondo con il flauto dolce. Prima del concerto, a Gävle, Kerstin Monk incontra Dan Laurin.

- Non ha idea di quanto io abbia atteso questo concerto!

Dan Laurin, uno dei migliori al mondo sul suo strumento, il flauto dolce, si esibirà in anteprima mondiale Giovedi con Gävle Symphony Orchestra, e lui promette che sarà un'esperienza molto speciale, per se stesso, prima di tutto, e anche per il pubblico .

Eseguirà un concerto che è stato scritto per lui e per Gävle Symphony Orchestra di un compositore italiano che è stato descritto come il compositore più emozionante e interessante oggi in Italia, Vito Palumbo. Si tratta di un lungo lavoro, lungo 25 minuti, e incredibilmente impegnativo, tecnicamente parlando.

- Non sono stato facilmente raggiungibile in questi ultimi anni, mentre studiavo questo concerto. Sono stato molto silenzioso in questo periodo, confessa.

Dan e Vito sono stati in stretto contatto nel corso del semestre necessario per comporre il concerto, che è diventato una riflessione personale sul tentativo di Dan per definire se stesso come musicista nei tempi moderni.

Sul flauto dolce di solito uno suona musica barocca ed è quello che Dan ha fatto in tutta la sua carriera e in questi ultimi dodici anni, spesso insieme alla moglie Anna Paradiso, che è una clavicembalista.

I flauti dolci hanno un suono debole, quindi è difficile per questo tipo di strumento affrontare il suono di un'orchestra più grande, per non parlare di un'intera orchestra sinfonica. Che peccato, pensava Dan, per colui che ama il suono che una grande orchestra è in grado di produrre. Inoltre, egli è interessato alla musica contemporanea.

Così ha incontrato un produttore di flauti dolci olandese, Adriana Breukink, i cui strumenti sono innovativi. Essi sono più forti, hanno una gamma più ampia e possono essere ascoltati con grandi orchestre.

Dan ha acquistato uno di questi flauti dolci ed è entrato anche in contatto con il compositore olandese Chiel Meijering, che ha scritto 40 concerti appositamente per questo tipo di flauto dolce. La sua musica è stata registrata da Dan e un CD che uscirà tra poche settimane.

Il compositore italiano Vito Palumbo è un buon amico e proviene dalla stessa zona della moglie di Dan. Si tratta quindi di un concerto molto personale che Vito ha scritto e che sarà anche registrato con la Gävle Orchestra in primavera.

Ma il flauto dolce? Perché si dovrebbe scegliere un simile strumento?

- Sì, dice Dan, perché un uomo bianco di 55 anni dovrebbe suonare il flauto dolce? Si tratta infatti di uno strumento con una cattiva reputazione, che la gente comincia a suonare da bambino e che suona in modo orribile quando un gruppo di principianti suonano insieme. La maggior parte delle persone sceglie un altro strumento in seguito.

Ma per Dan il flauto dolce era perfetto. Era un 'ragazzo solitario' che sedeva e suonava da solo in un angolo e che aveva capito che poteva cercare con il flauto dolce piccole melodie.

- Ero totalmente autodidatta quando ho fatto domanda in conservatorio in Odense e fui preso un anno prima di finire la scuola. Così ho dovuto soffrire per tutto il mio 9° grado, prima.

Poi è andata in fretta per Dan, ha conseguito il diploma, quando aveva 16 anni e il suo 'diploma di solista' quando aveva 19, dopo di che, ha guadagnato la fama in tutto il mondo. Ha anche insegnato, prima in Danimarca (e in Germania) e ora a Stoccolma e Londra.

Vive a Stoccolma e da lì la coppia Laurin viaggia in tour in tutto il mondo.

- Suoniamo insieme il più spesso possibile. Lei è la più grande fortuna della mia vita, dice Dan.

 

Herculean test for a recorder master

BY LARS WESTIN

12019884_10205974710180145_6795565259452387215_n.jpg

The recorder is, for some people, the memory of a nightmare of their school term, over which the instrument was placed in a drawer and forgotten there.

It has not been so for Dan Laurin, which is no coincidence he has become one of the best performers in the world. Thursday night he performed the world premiere concerto for flute and orchestra of the Italian Vito Palumbo with the Gävle Symphony Orchestra. An endurance test of nearly 30 minutes for the soloist - and the public. This is not a work you can listen distractedly, letting your mind go somewhere else.

The interest of the listener is captured from the beginning, with an orchestra playing the sound of bells, and who take over the lead. Laurin engages with rapid interventions. Music blazes with multiple eruptions. After a part where it seems that the whole world implodes on itself, here is stasis, Laurin alone with his flute. We are in the eye of the storm.

As in his concerto for accordion and orchestra, Palumbo gives a significant part to percussionists, here they are five employees. Their interventions create depth and atmosphere. The music becomes three-dimensional.

Laurin plays his flute visually quite naturally through the steps technically more intricate, while the orchestra collides with short and energetic attacks. A massive wall of sound is built, and on this one is engaged Laurin, going to the adventure. Cascades of notes are abruptly interrupted by sudden moments of calm. Moments of great beauty, as when Laurin holds a long sound, clarinets and flutes and orchestra will fit slowly, filling the sound.

Ok, it is not a composition that hums coming home, but it is undeniably fascinating to listen and to see performed live in a concert hall. And unquestionably it remains fascinated by Laurin control of his instrument.

Deserved applause and ovations for Laurin and Vito Palumbo who was in the audience.

Link of the review

 

Prova titanica per un Maestro del flauto dolce

12074557_10205974729100618_4548901289466356543_n.jpg

Il flauto dolce rappresenta, per alcune persone, il ricordo di un incubo del loro periodo scolastico, finito il quale lo strumento veniva riposto in un cassetto e lì dimenticato.

Non è stato invece così per Dan Laurin, che non a caso ne è diventato uno dei migliori esecutori a livello mondiale. Giovedì sera ha eseguito in prima esecuzione mondiale il concerto per flauto dolce e orchestra dell’italiano Vito Palumbo con la Orchestra Sinfonica di Gävle. Una prova di resistenza di quasi 30 minuti per il solista – e per il pubblico. Non è questo un brano che si può ascoltare distrattamente, lasciando andare la mente da un’altra parte.

L’interesse dell’ascoltatore viene catturato fin dall’inizio, con un gioco sonoro di campane e orchestra che subentrano al solista. Laurin si cimenta con rapidi interventi. La musica divampa con molteplici eruzioni. Dopo una parte dove sembra che tutto il mondo imploda su se stesso, ecco la stasi, Laurin da solo con il suo flauto. Siamo nell’occhio del ciclone.

Come nel suo concerto per fisarmonica e orchestra, Palumbo conferisce una parte rilevante ai percussionisti, qui ne vengono impiegati cinque. I loro interventi creano profondità ed atmosfera. La musica diventa tridimensionale.

Laurin suona il suo flauto visivamente con grande naturalezza anche attraverso i passaggi tecnicamente più intricati, mentre l’orchestra entra in collisione con attacchi brevi ed energici. Un massiccio muro sonoro viene costruito, e su di questo Laurin ci si cimenta, andando all’avventura. Cascate di note vengono interrotte bruscamente da improvvisi momenti di calma. Momenti di grande bellezza, come quando Laurin tiene un suono lungo, e clarinetti e flauti dell’orchestra vi si inseriscono lentamente, riempiendone la sonorità.

Ok, non è certo una composizione che si canticchia tornando a casa, ma è indiscutibilmente affascinante da ascoltare e da vedere eseguita dal vivo in una sala di concerto. E indiscutibilmente si resta ammaliati dal controllo di Laurin del suo strumento. Meritati applausi ed ovazioni per Laurin e Vito Palumbo che era presente in sala.

Lars Westin

Traduzione Maestro Pietro Rigacci

Intervista su "Amadeus" - dicembre 2011

422343_10150586935497229_355519281_n.jpg